Lo Spettacolo dal Vivo salverà il Mondo!

Sembrerebbe che il desiderio di condividere ogni attimo della nostra vita con il mondo esterno ci abbia portato a sviluppare un attaccamento insano ai nostri dispositivi mobili.

Vivi adesso, vivi dal vivo!

Il telefonino è diventato uno strumento attraverso il quale cerchiamo approvazione e validazione dai nostri amici virtuali. Ogni foto che scattiamo, ogni pensiero che ci passa per la testa, viene immediatamente condiviso sui social media, nella speranza di ottenere like e commenti. Questa costante ricerca di gratificazione esterna ci fa perdere di vista l’importanza delle nostre relazioni reali e ci fa concentrare solo sulla percezione virtuale di noi stessi.

Questa dipendenza ha anche un impatto negativo sulla nostra capacità di vivere il momento presente. Siamo costantemente preoccupati di documentare ogni istante della nostra vita, di trovare l’angolazione migliore per la foto perfetta da postare sui social media. Ciò porta a una disconnessione con la realtà, impedendoci di apprezzare appieno ciò che ci circonda e di creare ricordi autentici.

Per superare questa dipendenza, è importante cercare un equilibrio tra la nostra vita digitale e quella reale. Dedicare del tempo a noi stessi, alle relazioni interpersonali e a momenti di relax senza il telefonino può aiutarci a riconnetterci con la realtà e a ripristinare un senso di benessere e soddisfazione interiore.

Questa è la grande sfida per la nostra società moderna. : vivere il momento presente e godere appieno della bellezza della vita reale.

In questa battaglia gioca un ruolo importante lo spettacolo dal vivo!

L’eccessivo ricorso ai social puo portare ad una sorta di nausea digitale.

Gli spettacoli dal vivo offrono un’esperienza unica e coinvolgente, che è difficile replicare attraverso uno schermo. La magia di assistere ad un concerto, ad una performance teatrale o ad un evento sportivo dal vivo si basa sul senso di comunità che si crea tra il pubblico e gli artisti. Questo senso di connessione e di condivisione dell’esperienza rende lo spettacolo dal vivo qualcosa di speciale e irripetibile.

Sentire la musica che risuona nell’aria, vedere gli attori esibirsi sul palco o assistere ad un’incredibile esibizione sportiva ci permette di vivere e percepire le emozioni in modo più diretto e tangibile. È un’esperienza sensoriale completa che coinvolge tutti i nostri sensi e ci permette di immergerci completamente nell’arte.

Il ritorno allo spettacolo dal vivo può quindi essere visto come una reazione naturale all’abuso dei social media. Mentre i social ci tengono costantemente connessi alla virtualità, lo spettacolo dal vivo ci permette di staccarci da questa realtà virtuale e di vivere l’arte e l’intrattenimento in modo più autentico e coinvolgente.

Questo ritorno alle origini può essere considerato come una sorta di ribellione contro la superficialità e la mancanza di autenticità che spesso caratterizzano l’esperienza digitale.

Poter rimanere presenti nell’istante e godere appieno di ciò che ci viene offerto è un privilegio che spesso ci dimentichiamo di apprezzare.

Sconnettiti dal cellulare, connettiti con l’ambiente circostante.

Oltre il problema sociale esiste anche una questione di educazione e rispetto.

Quando entri in un teatro, ti aspetti di vivere un’esperienza unica, immerso nella magia della recitazione e della storia che si sta svolgendo sul palco. Purtroppo, però, sempre più spesso ci si imbatte in individui che non riescono a staccarsi dai loro telefoni nemmeno per brevi istanti, rovinando l’atmosfera e distruggendo l’attenzione che l’artista merita.

È diventato normale vedere persone che, incapaci di resistere alla tentazione di controllare i propri social media o rispondere a un messaggio, illuminano l’intera platea con lo schermo luminoso del loro telefonino. Questo non solo disturba gli spettatori circostanti, ma crea anche una distrazione per gli stessi attori che non possono fare a meno di notarlo. 

Come possiamo aspettarci che gli attori riescano a evocare emozioni forti e coinvolgenti quando sono costantemente interrotti dalla luce fastidiosa di uno smartphone?

Infine, il rumore improvviso di una suoneria o di un avviso può interrompere non solo lo spettatore che lo ha causato, ma anche gli altri che si trovano nella vicinanza. È difficile rimanere immersi in un’opera teatrale quando il suono fastidioso di un telefonino spezza l’armonia della performance.

È fondamentale che tutti gli spettatori si impegnino a spegnere o mettere in modalità silenziosa i propri dispositivi prima di entrare in sala. 

Dobbiamo onorare l’impegno degli attori e permettere a tutti gli spettatori di vivere un’esperienza teatrale autentica, libera da distrazioni e interruzioni. 

Solo così potremo preservare l’integrità e il valore reale del teatro come forma d’arte e dello spettacolo dal vivo in generale.

Addio alle piazze! Perchè?

Il 2 Gennaio 2023 ho comunicato ufficialmente il mio addio agli spettacoli in piazza.

A più riprese mi sono avvicinato alla notizia cercando di spiegare che qualcosa di nuovo stava maturando.

Provo a spiegarvi i vari motivi entrando nei dettagli.

Sceneggiatori, drammaturghi, registi, attori, cantanti, ballerini, comici e tutte le figure impegnate alla creazione dello spettacolo dal vivo, lavorano perché lo spettatore possa vivere al meglio questa meravigliosa esperienza .

Lo spettatore andrebbe coccolato, viziato e messo in condizione di assistere in totale comodità . 

Spesso però chi organizza uno spettacolo si limita a tutelare le attività essenziali sul palco, tralasciando le condizioni dello spettatore. Sedie scomode e insufficienti, sparse o distanti, pubblico disgregato, spettatori in piedi, distrazioni esterne sia visive che acustiche. E se lo spettatore non sta bene, l’artista in scena soffre!

Spesso l’artista è costretto ad accettare di convivere e combattere con certi disagi, ma arriva un momento in cui l’esperienza, la professionalità e la passione convergono in unica direzione : lo spettatore. 

Servirebbe il buio, per concentrare l’attenzione visiva solo sul palco. 

Servirebbe il silenzio assoluto per poter ascoltare senza interferenze.

Servirebbe una sedia comoda, per non soffrire fisicamente.

Nessuno dovrebbe stare in piedi o seduto in terra.

Lo spettacolo dovrebbe iniziare puntuale.

Ognuno dovrebbe avere il suo posto per non arrivare 3 ore prima.

Ogni minimo disagio per lo spettatore si ripercuote sul lavoro degli artisti che per maestria e professionalità riescono comunque a fare il loro lavoro, ma con l’amaro in bocca di non aver portato al massimo i motori dell’aereoplano che plana troppo basso rispetto alla quota di emozione massima.

La struttura dello spazio scenico e le condizioni della platea influenzano le modalità della comunicazione tra spettacolo e spettatore. Il luogo vero e proprio dove avviene la performance, concorre in maniera determinante alla riuscita dello spettacolo. 

L’attore, il comico, il ballerino, il cantante o qualsiasi tipo di performer dal vivo ha il dovere di verificare prima dello spettacolo se lo spettatore sia messo in condizione di vivere la trans artistica senza scomodità e interferenze. 

Lo spettatore ha il sacrosanto diritto di poter sentire i sospiri, di vedere gli sguardi, captare le espressioni e percepire gli stati d’animo .

L’attore è come un delfino, nel mare vola, ma nella palude sopravvive !

Ecco perché dopo una lunga nuotata nella palude il delfino cerca lo sbocco verso il mare.

Quando ci blocchiamo di fronte a una decisione importante non abbiamo chiaro il perché dell’azione e/o lo stesso non è abbastanza forte.

Motivo + Azione = Motivazione!

Appena il motivo è chiaro ed è abbastanza forte, la paura si trasforma in energia positiva e andiamo diritti nella direzione scelta.

Ma quando la paura è più forte della motivazione rischiamo l’immobilismo che è spesso accompagnato da ansie, malesseri e frustrazioni.

In questi casi serve il coraggio, la forza del cuore!

Nel lavoro le decisioni irrevocabili possono provocare un danno economico, ma un beneficio in salute psico-fisica. E la salute ha un costo elevato anche in termini economici e non sempre lo stimiamo con precisione.

Se le scelte hanno solo una motivazione economica, non saranno mai delle vere e proprie scelte.

Ma se trovi l’equilibrio giusto tra economia e salute, la scelta diventa più facile.

Potrebbe servire del tempo per fare i giusti calcoli, ma alla fine della fiera devi prendere una decisone definitiva.

L’unico errore è stare fermi !!! 

MAI SPUTARE SUL PIATTO!

Andare avanti senza mai perdere di vista il passato e ringraziando sentitamente tutti coloro i quali hanno contribuito alla crescita è doveroso! 

Ringrazio sentitamente tutti i Comitati, i Comuni, le Proloco e tutte le organizzazioni che in questi 10 anni mi hanno scelto e accolto nelle loro feste con calore e entusiasmo.

Ringrazio le migliaia di spettatori che mi hanno seguito e fatto sentire parte integrante della comunità sarda e ringrazio il cielo per avermi fatto vivere questa favola stupenda.

Ora, però, è arrivato il momento di mettere in scena lo spettacolo.

D’ora in poi mi assumo la totale responsabilità di assicurare allo spettatore una situazione comoda e protetta da interferenze acustiche e visive, nel rispetto dello spettacolo e di tutti i lavoratori coinvolti.

Vantarsi di essere troppo impegnati

Buttate via le maschere del busy bragging!

Busy sta per “impegnato”, to brag sta per “vantarsi”. Vantarsi di essere troppo impegnati, di non aver tempo, di essere sempre di corsa.

Chi è veramente affetto da questo virus mente spudoratamente a se stesso e al mondo. Dice che non ha tempo di far nulla e lo vedi continuamente sui social, dice che corre da una parte all’altra, ma lo vedi sempre nello stesso posto.

Attenzione però, perchè nessuno è immune da questo virus !

Perché lo facciamo?

Facile sorridere con la valigia vuota…

I nostri genitori ci hanno insegnato che i risultati si ottengono solo con la fatica, con il sacrificio. E sicuramente è vero. Quantomeno, i risultati ottenuti troppo velocemente hanno vita breve.

 Il modello educativo che abbiamo ereditato ha anche un origine religiosa. Chi soffre è buono, chi gode è un diavolo. La sofferenza è di Gesù, il piacere di Satana. Quindi soffrire ci fa sentire  meritevoli d’amore e avere tanti impegni ci fa sentire giusti e degni di importanza.

Oggi però cominciano a diffondersi modelli contrapposti e altrettanto menzogneri, : persone che sfoggiano ricchezza, vacanze e cultura del tempo libero in eccesso. 

I due modelli provocano scontri tra genitori e figli. 

Ma qual’è il modello più giusto?

A me personalmente piace la via di mezzo. Impegnarsi, combattere e faticare per raggiungere una posizione che ti permetta di godere del piacere del tempo libero, è un buon compromesso.

Ma senza lamentarsi mai di essere troppo impegnati. Senza perdere il sorriso e la positività, trasmettendo energia produttiva anche quando si è stanchi, prendendosi i giusti momenti di pausa e ricreazione.

Dopotutto nell’antica Roma l’ozio, era il tempo da dedicare ad attività rigeneranti : la lettura, la scrittura e la riflessione, ma anche la cura del proprio corpo e del proprio patrimonio. L’ozio era un privilegio precluso agli schiavi, destinati allo sfruttamento materiale. Secondo Catone il tempo dedicato all’ozio era importante quanto il tempo dedicato al lavoro, mentre Catullo lo definiva ozio creativo.

L’ozio non è figlio del vizio!

Oggi viviamo in una società in cui lo stress emotivo e psicologico hanno raggiunto livelli preoccupanti e il tempo da dedicare ad attività che non hanno per forza un risvolto produttivo è quanto mai necessario. Dobbiamo assolutamente riconoscere e smascherare il meccanismo diabolico del busy bragging. 

Il nostro valore non dipende dalla quantità di impegni che abbiamo!

Dobbiamo rivalutare l’ozio come una scelta e non come un ripiego !

Vi saluto con la metafora del taglialegna :

C’erano una volta due boscaioli che lavoravano nello stesso bosco.

Entrambi erano forti e vigorosi e avevano una ferrea forza di volontà. Le loro capacità erano molto simili e perciò un giorno decisero di fare una gara per stabilire chi dei due fosse più bravo a tagliare legna.

Trovati due alberi che avevano il tronco di uguale grandezza si misero all’opera per vedere chi avesse abbattuto per primo il proprio albero.

I tronchi avevano dimensioni ragguardevoli e ci sarebbero volute diverse ore prima di riuscire a tagliarli.

I due alberi erano posti a una certa distanza uno dall’altro tanto che ognuno dei due uomini non vedeva cosa faceva l’altro. Tuttavia si riusciva a sentire il rumore dell’ascia che picchiava sul legno.

Il primo taglialegna si mise di buona lena e con ritmo incalzante a tagliare il tronco. Non si fermava mai se non per qualche secondo per prendere fiato. Durante queste fugaci pause si accorse che il suo avversario effettuava delle pause di almeno dieci minuti ogni ora. Resosi conto di ciò si sentì più tranquillo riguardo alle sue possibilità di vittoria, pur tuttavia non diminuendo il suo impegno della gara. Giunse il tramonto e con esso il termine stabilito per la gara.

Il primo boscaiolo ancora non aveva finito di tagliare il proprio albero. Per verificare a che punto fosse il suo rivale, gli si avvicinò. Con sua grande sorpresa vide l’enorme tronco già tagliato.

– Com’è possibile? – chiese stupito – Io non mi sono mai fermato e non ho abbattuto l’albero e tu invece, che ti fermavi dieci minuti ogni ora hai già finito!

– È vero che mi fermavo – rispose calmo l’altro – ma durante quelle pause affilavo la lama della mia scure!

Ma non affilate troppo la lama, altrimenti si spezza…

Se mio nonno avesse visto Sanremo 2023

Mio Nonno era un po la Selvaggia Lucarelli al maschile dei tempi che furono . 

Non perdonava nessuno, ne aveva una per tutti e se non eri nelle sue grazie dovevi scappare.

Vedendo Blanco spaccare tutto avrebbe mandato mia nonna a portargli il fucile. E mia nonna con il rosario in mano avrebbe pregato tutti i santi del mondo.

Vedendo Gino Paoli fare riferimenti sessuali avrebbe mandato mia nonna a portargli le cartucce . E mia nonna con il rosario in mano avrebbe pregato anche i santi fuori dal mondo.

Vedendo il bacio tra Fedez e Rosa Chemical avrebbe caricato il fucile. E mia nonna con il rosario in mano avrebbe telefonato a Dio in persona senza pensare all’infarto che le sarebbe venuto all’arrivo della bolletta telefonica.

Ma Angelo Duro avrebbe calmato mio nonno. Perché mio nonno era proprio come lui. Parlava senza peli sulla lingua e mandava tutti a quel paese. E mia nonna avrebbe ringraziato dio per averle salvato il televisore che le permetteva di vedere Maichi Bongiorno e il telegiornale di Videollina.

Nonno Ignazio sul T-Max

Certo non siamo più ai tempi di mio nonno. La società si evolve. E tutte le evoluzioni passano attraverso i disagi, la contestazione e la messa in discussione di pilastri culturali sulla quale era fondata la generazione precedente.

Potremo discutere all’infinito, ma se un bacio gay ci scandalizza più di una bomba caduta su un teatro, se la reazione spropositata di un adolescente ci destabilizza più della corruzione di un parlamentare, allora forse è meglio che la società si evolva velocemente.

Rispetto per mio nonno, ma anche per la nuova generazione. 

Le battaglie giovani-anziani ci sono sempre state, ma questa è la più feroce di tutte in quanto i social hanno accelerato il processo generazionale. E mentre nel 90 la distanza genitori figli era di una generazione, oggi la distanza è pari a quattro generazioni. 

Ci vediamo in teatro prossimamente e chissà che non ci sarà mia nonno sul palco !

ci vediamo in teatro prossimamente…

Quando in Svizzera mi squarciavano le gomme.

Erano gli anni di Mario Monti e Elsa Fornero.

Apparirono in TV chiedendo lacrime e sangue agli Italiani.

Un nuvola di negatività avvolse il Paese e il mercato visse una contrazione in tutti i settori secondari.

Decido di portare la mia attività di spettacolo altrove, scelgo un luogo dove si pagano le giuste imposte e dal tasso di delinquenza pari a zero: la Svizzera!

Parto con il mio amico Ivan che ha una sua attività . Uniamo le due attività e creiamo una società con sede a Bellinzona. Lui fa animazione e io faccio spettacolo. In società abbiamo un cittadino svizzero, un Professore di robotica con cui iniziamo una sperimentazione della robotica nel teatro.

Partiamo a Ottobre 2012. Affittiamo i Teatri più grandi del Ticino e tappezziamo il Cantone di manifesti giganti. 

Nulla ci ferma. Alle 2 del mattino siamo ancora arrampicati a sparachiodare pareti, recinzioni e muri, di giorno invece a piazzare le locandine nei negozi. Proviamo anche l’altoparlante in giro per le cittadine, ma la Polizia ci minaccia di espulsione dal paese.

I numeri arrivano. I teatri iniziano a riempirsi. Ci chiamano anche per eventi esterni e restiamo scioccati dal fatto che, una volta pagate le tasse, gli incassi ci restano quasi totalmente in tasca.

Sembra il paese perfetto per imprenditori e artisti.

Quando chiediamo la fattura ci rispondono che basta lo scontrino: “ ma in Italia ci vuole la fattura” risposta : “ per quello siete nella m…..” . Capiamo che l’eccesso di burocrazia blocca lo sviluppo economico.

Quando lasciamo la macchina accesa al semaforo ci rimproverano, inizialmente ci alteriamo, ma poi capiamo che è nel bene comune, nella politica del buon senso .

Spesso veniamo fermati dalla Polizia per normali controlli.  Pensiamo che sia la targa italiana a creare diffidenza. Forse lo è . Inizialmente ti senti discriminato, ma poi capisci che è giusto tenere sotto controllo chi non ha la cultura del buon senso del luogo.

Un paese che puo sembrare “fastidioso”, ma che basa il suo livello di civiltà sul buon senso. 

Ma non è tutto ora ciò che luccica.

Siamo arrivati in Svizzera con due mezzi, un furgone e una Station Wagon. 

Da quelle parti c’è un problema parcheggi molto serio. O ti compri un parcheggio o ne affitti uno. Se parcheggi nei pochi parcheggi liberi gratuiti devi liberarli velocemente. Non ce nessuna legge che vieta di sostare la macchina a lungo in questi parcheggi, ma è buona consuetudine far si che tutti possano usufruirne . 

Per gli Svizzeri il buon senso è più importante della legge, per noi Italiani no. E noi siamo ospiti e ci dobbiamo comportare ancora meglio dei locali. Questa è la loro cultura e non ci passa in testa di modificarla. 

Ma siamo appena arrivati e dobbiamo ancora conoscere la loro cultura del buon senso.

Parcheggiamo i mezzi dove capita. Stiamo investendo in pubblicità e non possiamo ancora permetterci di noleggiare un box o un parcheggio all’aperto.

Il primo scontro con la cultura locale lo abbiamo già nella prima settimana. A Bellinzona.

Due gomme squarciate nel furgone e una nell’automobile. Tre gomme 300 euro.

Chiamiamo la polizia che verbalizza e ci consiglia di non parcheggiare più in quello spazio.

I mezzi bloccati per una mattina ci pesano sui nervi più dei 300 euro della sostituzione gomme.

Non capiamo, pensiamo che sia qualche straniero come noi. Qualche deficiente di passaggio. Continuiamo così a parcheggiare ovunque consentito dalla legge.

Ci trasferiamo a vivere a Locarno che diventa anche il nostro centro organizzativo.

Parcheggiamo il furgone in una sosta libera per tutta la notte. Due gomme squarciate . Altri 200 euro.

Cominciamo a chiederci il perché. Cambiamo atteggiamento. Ma nessuno ci spiega. Dobbiamo capire da soli.

Dopo un altra settimana altre due gomme all’automobile. Poi ancora tre gomme al furgone e ancora un altra gomma all’automobile. Arriviamo presto a 13 gomme squarciate. E tutte in luoghi diversi.

Sarà la targa Italiana? Sarà che non siamo ben visti? Sarà qualsiasi cosa, ma i nervi cominciano a cedere. Pensiamo alle videocamere interne ai mezzi, ma forse la soluzione è più semplice.

Proviamo a cambiare parcheggi continuamente. Nonostante siano distanti. Impariamo a farci lunghe passeggiate. Impariamo che quei parcheggi non sono di uno, ma di tutti. E quando questi tutti hanno il coltellino svizzero per portachiavi, ti conviene riflettere.

Problema risolto. Possiamo continuare il nostro lavoro senza più gomme squarciate.

Certo che loro hanno commesso un illegalità, noi no. Ma è vero che noi abbiamo violato il buon senso locale. 

Chi ha ragione, gli Svizzeri che ti insegnano la loro cultura con la forza o gli italiani che subiscono le culture altrui in nome della bell’accoglienza?

Reddito si, reddito no? Giusto darlo ai giovani?

Il Bel Paese oramai è spaccato in due, tra chi urla l’abolizione e chi protegge il diritto alla sopravvivenza .

Qualcosa non ha funzionato, ma qualcosa ha funzionato.

Blocchiamo tutto o miglioriamo il meccanismo?

Una cosa è certa, se a 17 avessi avuto un reddito garantito, la mia vita sarebbe stata diversa.

Era il 1993, la crisi era iniziata nel 92. Falcone e Borsellino, il referendum, le elezioni politiche con la Lega che vince e le forze di governo che perdono, Mani Pulite, la crisi della lira. L’Italia va giù con tutte le sue aziende.

L’attività di mio padre comincia a barcollare. La tensione in famiglia si fa sentire. Non posso più chiedere neanche due spiccioli per andare al cinema o giocare a calcetto. Nessun problema, abbiamo una casa e da mangiare, ma dentro me suona un allarme che non avevo mai provato prima.

A scuola stavo andando male e in primavera mi ritiro. Sento il bisogno di lavorare.

Mi propongo a un agenzia per la vendita di enciclopedie porta a porta. Faccio un breve corso interno all’azienda e carico di entusiasmo comincio a lavorare. Camicia, cravatta e valigetta e inizio il primo giro, a Pirri, frazione periferica della città di Cagliari.

Porte in faccia, maltrattamenti, insulti a non finire. Testimone di Geova, imbroglione e chi più ne ha più ne metta. Non riesco a entrare in nessuna casa.

Per un ragazzo di appena 17 anni alle prese con il primo lavoro, non male come inizio.

Torno in Agenzia, racconto tutto. Voglio mollare. Il mio capo si propone di accompagnarmi il giorno dopo.

Riandiamo a Pirri, stesso caseggiato. Gli dico: ” qui non ti fanno entrare, son tutti maleducati”. Il mio capo ride sotto i baffi, suona il primo campanello, dice due cose e lo fanno entrare subito. Resto sbigottito. Appena il giorno prima mi avevano detto che non avevano tempo da perdere.

Fa il suo colloquio, non vende, ma ottiene contatti.

Andiamo avanti, nuovo campanello, stessa storia. Cosi per tutta la giornata. Riesce a entrare praticamente in tutte le case ed ottenere contatti e a vendere perfino due enciclopedie. Mette in tasca una provvigione 600.000 lire in una giornata . E io senza parole.

Torniamo in agenzia e mi spiega il perchè dell’accaduto. Il modo di porsi, l’atteggiamento da assumere, l’impostazione della voce, le parole da dire e sopratutto le domande da fare. “Chi domanda comanda”, mi diceva. Sembra una lezione di teatro…e forse lo era.

In soli due giorni ho capito una lezione che mi servirà per tutta la vita. Dipende da me! Sono io il responsabile delle mie gioie e dei miei dolori. Voglio imparare in fretta.

Mi do da fare e dopo l’accompagnamento inizio a imparare la tecnica. Riesco a entrare nelle case e a parlare del più e del meno pronto a tirare fuori il deplian delle enciclopedie.

Amavo un enciclopedia che si chiamava “scoprire per conoscere”, per i bambini. Mi divertivo a raccontare le tecniche utilizzate dal ragno per tessere la ragnatela e di come la volpe si liberasse delle zecche.

In tre mesi di lavoro riesco a vendere 9 enciclopedie. Lontano dai numeri di un buon rappresentante, ma riesco a pagarmi il viaggio a Parigi con i miei amici.

Che soddisfazione.

A Settembre torno a scuola, ma sono una nuova persona. Ho trovato una chiave importante per la mia vita. Infatti faccio terza, quarta e quinta promosso a Giugno senza se e senza ma. Mi diplomo e parto militare. Nei Parà, ma questa è un altra storia.

Oggi a 47 anni mi chiedo, se avessi avuto il reddito di cittadinanza o qualsiasi tipo di aiuto garantito, sarei andato a cercarmi lavoro? E sopratutto sarei andato a farmi insultare ? E sopratutto avrei insistito ?

Sono sicuro che non sarei neanche andato a cercarmelo quel lavoretto e chissà se la vita mia avrebbe dato altre occasioni preziose come quella.

Sulla base della mia storia mi viene da pensare che forse ai giovani sarebbe meglio lasciare un po di paura. Quella sana paura che dalla notte dei tempi ha fatto evolvere la natura umana .

La fame aguzza l’ingegno, sarà sempre così!

Non avere paura della paura, rispettala e ti aiuterà a sconfiggerla.

Grazie di avermi fatto conoscere il mare …

Ci sono luoghi che ti fanno star bene. Che ti mettono in pace col mondo.
Forse perché rievocano qualcuno o qualcosa che ti dava equilibrio, stabilità e certezza.

Io devo essere stato concepito al Poetto…. come tanti cagliaritani d’altronde…
Non so per certo questo, ma so che solo in questo luogo riesco a comunicare con mio padre.
Sono 17 anni che te ne sei andato.
“È inutile che ti nascondi, ti vedo che stai pescando dietro la Sella….e non dimenticarti che con una cannetta da 18.000 lire ti avevo umiliato prendendo una spigola da un chilo mentre tu con 4 canne da competizione tiravi fuori solo mormorette. “

Saltavo dalla gioia perché l’avevo battuto e lui sorrideva soddisfatto di me dietro quella sigaretta che l’ha ucciso.
Ma non è un problema, la morte non esiste. Sei sempre qui .
Grande Pà e grazie di avermi fatto conoscere il mare…

I nonni animatori

Lui è mio Nonno Ignazio, marito di Nonna Vitalia.
Anche se qui vi sembra un po’ burbero, era una persona buona .
Da bambino è stato il mio primo animatore…. Altro che trucca bimbi e palloncini! Mi faceva giocare con i maialetti vivi e mi portava sempre qualche cavalletta .
Forse perché il primo nipote maschio di una xreffa di 20 nipoti, ma mi portava sempre con lui e se ne inventava di ogni per farmi divertire.
E mi parlava solo in sardo.
E mi parlava come fossi un adulto.
Le sue teorie erano chicche di vera filosofia. Alcune non ve le posso raccontare perché erano colorite senza esclusione di colpi.
Un giorno mi regalò un gatto. Avevo 5 anni. Tigrato tipo Stanlio :
“Nonno, come si chiama?”
“ Si chiama Arrettu”
E io andavo in giro con questo gatto dicendo a tutti “lui è arrettu”.

Tutti ridevano, ma non capivo perché.
Non voglio spiegarvi il significato del nome del gatto, chiedete a un amico sardo.
Mi chiamava Danielicontu, tutto attaccato. Proprio come mi chiamava mia nonna.
“Danielicontu andausu anchè is proccus”, e io mollavo qualsiasi cosa stessi facendo.
Non c’erano soldatini, non c’erano macchinine, non c’erano palloni e biriglie, C’ERA SOLO NONNO IGNAZIO!

Fù la fonte di saggi consigli che riesco a elaborare solo oggi.

E magari le sue teorie da Osho Sardo le userò sul palco… chissà.

Un futuro senza nonni!

Non posso dimenticare il giorno che ho rifiutato le strenne di nonna .

Ogni anno non mancava di arrotolare un biglietto e passarmelo nascosto con la mano rivolta verso il basso. A tipo spacciatore.
Mi sono sempre chiesto il perché di questa segretezza. Forse era per lei un modo di stabilire un patto con il nipote. Come dire “du scieusu deu e tui, non neristi nudda a nisciunus” (lo sappiamo solo io e te non dirlo a nessuno).

Tutto avveniva in silenzio.

Quando ero bambino non vedevo l’ora di aprire la mano per vedere quanto. Da adolescente idem. Quando sono entrato nel mondo del lavoro dovevo interrompere . Ero io che avrei dovuto aiutare lei, non il contrario.

Accetto a 21 anni, accetto a 22, e a 23 : “ Nonna non c’è bisogno” .
Ci rimase male. Avrei dovuto prenderle e farle un regalo, ma in quel momento pensai solo che dovevo dimostrarle che non ero più un bambino.
Quindi cara Nonna, oggi accetto il tuo biglietto e sancisco nuovamente il vecchio patto ….vita natural durante.

I nonni sono il simbolo dell’unione generazionale attraverso la complicità, la permissività e la comprensione che spesso manca ai genitori.

Capiscono i nipoti riuscendo a essere fermi e amorevoli, anche se da genitori avranno avuto le loro mancanze.

Ma è il ciclo della vita.

Lasciano un solco nel cuore dei nipoti, un emozione incancellabile piena di segreti .

Forse perchè hanno più tempo libero, hanno meno preoccupazioni e sopratutto non hanno più grandi progetti ambiziosi tranne quello di vedere la famiglia felice.

“Si è sempre in naturale antagonismo con i genitori e in simpatia con i propri nonni” dice Gertrude Stein .

E oggi facendo figli a 50 anni, rischiamo di creare una società senza nonni.

C’è la farà il genere umano a sopravvivere senza i nonni?