90 min | Spettacolo comico e emotivo
Recensioni

90 minuti più recupero, tra i risate, lacrime e riflessioni, perché la filosofia di Daniele è una sola :non esiste risata liberatoria senza dolore reale !

DIMENTICATE TUTTO CIO CHE SAPETE SUI VENTRILOQUI !

Preparatevi a vivere un’esperienza teatrale come mai prima d’ora!

Il tour 2024 dello spettacolo fenomeno “Maa Veraamente?” è ufficialmente iniziato, e si appresta a conquistare l’intera penisola italiana.

Dopo il grande debutto al Teatro Conservatorio di Cagliari, questo innovativo show di Stand Pup Comedy, sta attraversando i teatri di tutta la Sardegna, per poi sbarcare presto sui palcoscenici più prestigiosi d’Italia. Aprirà il tour nazionale il Teatro Guanella di Milano per poi seguire a Roma, Torino, Firenze, Genova, Napoli e Catania.

Daniele Contu, il genio creativo dietro questo fenomeno, è molto di più di un comune intrattenitore. È uno psicologo caratterista che mette in scena personaggi esistenti o esistiti, trattando tematiche delicate come guerra, famiglia e pregiudizi sociali, attraverso l’utilizzo del paradosso comico.

Ignazzino il tossico, Giggi il bambino irriverente, Nonna Vitalia la tipica nonna sarda e Ziu Micheli lo scorbutico pastore sardo prendono vita sotto gli occhi del pubblico, diventando molto più che semplici pupazzi. Sembrano persone vere, pronte a far ridere, riflettere ed emozionare gli spettatori, facendoli dimenticare completamente di avere di fronte delle marionette animate.

Dalle risate travolgenti alle riflessioni più profonde, “Maa Veraamente?” riesce a far provare ogni tipo di emozione, trasportando il pubblico in un vero e proprio sogno dal quale non vorranno svegliarsi fino alla chiusura del sipario.

Non c’è dubbio, lo show di Daniele Contu è davvero unico nel suo genere. Non perdetevi l’occasione di assistere a questo spettacolo dall’energia travolgente, che sta lasciando a bocca aperta il pubblico ovunque vada!

Ma ad aprire lo spettacolo sarà lui senza personaggi

Spogliato di qualsiasi maschera e in preda alle convulsioni comiche di uno stand up comedyan, connetterà il pubblico con il suo mondo.

E sarà proprio il bambino nascosto dentro l’adulto a materializzarsi come primo personaggio : Giggi, il neonato irriverente, personaggio che ha portato Daniele sugli schermi di Canale 5, La7 e Videolina.

Le domande difficili del bambino metteranno in serie difficoltà Daniele, da poco divenuto Padre, quindi in pieno panico da risposta imbarazzante .

Tematiche fondamentali del pezzo : Gesù, i vegani, le donne e la guerra. 

A parlare di guerra Daniele si irrigidirà abbandonando per un istante le vesti di comico e di ventriloquo. Sullo schermo gigante, un video del Teatro di Mariupol distrutto dalle bombe, farà da scenografia alla riflessione di Daniele che nel 2009 avrebbe dovuto esibirsi proprio in quel teatro. 

A spaccare in due l’emotività creata dall’argomento sarà il personaggio più popolare di Daniele : IGNAZZINO MENZOGNA, ex tossicodipendente, delinquente e ultrà del Cagliari che dalla sua folle e spiazzante prospettiva si permetterà di far luce su tematiche legate alla costellazione familiare e l’universo femminile. 

Ma la grande magia della coppia Ignazzino/Daniele è legata alla velocità di sdoppiamento che permette loro di improvvisare in qualsiasi situazione e su qualsiasi argomento creando  il momento più esilarante dello spettacolo.   

A consacrare lo spettacolo sarà Nonna Vitalia. Vera nonna di Daniele, costruita in Danimarca dal Puppet Maker Manfred Werner, con una tecnica assolutamente rivoluzionaria nel panorama teatrale europeo : la marionetta semi-umana!

Si muove in scena e afferra gli oggetti!

Nonna Vitalia, saldamente ancorata alle tradizioni e refrattaria, per naturale diffidenza, ai nuovi costumi della società, è una matriarca, una donna di casa impeccabile e parsimoniosissima, oltre che estremamente conservatrice nel pensiero.”

Fonte di ispirazione di questo personaggio è il rapporto vivissimo che Daniele ha vissuto con i suoi nonni: “Da loro mi sentivo libero e coccolato. I nonni sono importantissimi per l’affetto e il calore, mentre l’educazione richiede impegno e severità, spetta prevalentemente  ai genitori. I nonni a loro volta hanno già dato.” 

Un video personale chiuderà lo spettacolo tra le lacrime.

90 minuti più recupero, tra i risate, lacrime e riflessioni, perché la filosofia di Daniele è una sola :

non esiste risata liberatoria senza dolore reale !

Acquista i biglietti

05

Ago
2024

Maa Veraamente? TerremoTour 2024/25

Anfiteatro Capoterra
Ore 21:00

unica data disponibile